Tag Archives: Arte Contemporanea

Il Paesaggio Contemporaneo Urbano ad olio su tela

Per la seconda volta, ed è stato un grande piacere, l’artista Marco Minozzi ha esposto le sue opere presso lo Spazio Espositivo Livin’art in Lucca dal 17 al 30 Marzo 2019

A distanza di circa un anno dalla mostra precedente si è aperta la nuova esposizione: “Contemporaneo Urbano, 14 pitture ad olio su tela”, tutte le opere in mostra rimangono visibili e disponibili per la vendita sulla galleria d’arte online Livin’art.

Un anno di lavoro , di ricerca ed evoluzione. Le opere di questa nuova interessantissima serie si propongono con una nuova definizione e colori differenti da quelle dello scorso anno (Infinity Landscape). Di pari ed elevato livello artistico e di stile le due Serie offrono soluzioni espressive diverse che evidentemente derivano da più interpretazioni dell’autore sul tema che da qualche anno è suo motore produttivo: il paesaggio urbano.

In particolare , nella Serie Contemporaneo Urbano è evidente l’intento di mostrare l’urbanizzazione del paesaggio, allontanandosi più spesso che in Infinity Landscape da un’idea astratta e immaginaria di realtà.

Infatti in Contemporaneo Urbano i particolari diventano fulcro di osservazione ed identificazione, i colori vogliono essere più vicini alla realtà a suscitare un’impressione più aderente alla vita di questi luoghi un po’ isolati e un po’ sperduti . L’osservatore è quindi “inserito” in un paesaggio noto ma pur sempre spunto di ricerca introspettiva.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Emblematica e molto interessante questa frase, tratta da una critica del Professor Raphy Sarkissian, insegnante presso la “School of Visual Art” in New York e affezionato estimatore di Marco Minozzi e delle sue opere

“La poetica pittorica di Marco Minozzi mette in evidenza l’andar parallelo della desolazione dell’industrializzazione con la continuità implicita della vita.”

La Serie Contemporaneo Urbano sono opere di grande fascino e suggestione oltre che di  elevato valore artistico / pittorico. Ecco alcune delle opere esposte:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Qua vediamo Marco Minozzi il giorno dell’inaugurazione insieme all’artista e critico d’arte John Vander mentre parlano dei nuovi paesaggi urbani.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

E’ importante ricordare che Marco Minozzi (Roma 1962) è all’eta’ di 14 anni che inizia lo studio autodidatta del disegno, della figura e della prospettiva, che lo impegnerà per molti anni. Successivamente approderà alla tecnica dell’olio su tela che approfondirà attraverso un continuo lavoro di copia degli antichi maestri del 500 e 600 sotto la guida di un restauratore e impadronendosi, nello stesso tempo, dei segreti riguardanti la preparazione dei colori, i metodi e i materiali della tecnica pittorica. Intorno al 1992-1993 inizia le prime esposizioni collettive a Roma.

Nel 2002 comincia ad affrontare l’ambito contemporaneo essendo finalmente giunto il momento di superare i vecchi modelli e lasciar fluire un nuovo modo di intendere il paesaggio urbano e misurandosi con nuove forme contemporanee che racchiudessero tutte le esperienze passate.

Nella nuova visione narrativa sono presenti tutte le esperienze vissute dall’artista: il colore rembrandtiano, una elaborata archeologia industriale, il realismo americano. Attualmente, la profonda ambizione dell’autore è la realizzazione di un archetipo di paesaggio e la costruzione di una nuova idea di paesaggio urbano.

Allo Spazio Espositivo Livin’art succedono sempre cose molto interessanti!

Per approfondire e vedere di nuovo tutte le opere:

Marco Minozzi, Contemporaneo Urbano

Fai entrare l’arte nella tua vita, scegli le tue emozioni, investi nella bellezza dell’arte. Acquistare con Livin’art è facile e sicuro.

Laura Guadagnucci – coordinatrice Livin’art Arte da Vivere

laura-guadagnucci-contemporaneo-urbano-livin_art

 

 

IL Viaggio Mediterraneo di Andrea Mattiello

Si è tenuta nel mese di Febbraio, dal 3 al 16, la luminosa, solare esposizione “Viaggio Mediterraneo, opere su tela di Andrea Mattiello”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Uno squarcio di estate allo Spazio Espositivo Livin’art. Le opere sono infatti il risultato artistico di un viaggio estivo dell’autore nelle terre mediterranee di Puglia; colorate ed evocative, hanno come protagonista la pianta emblema dei luoghi caldi ed assolati: il fico d’india.

Una scelta spontanea e singolare che rende questa Serie di quadri, in acrilico su tela, originali e carichi di personalità.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Interessante  osservare la varietà dei colori, delle forme e la diversa ambientazione del fico d’india: nella spietata luce del giorno estivo oppure nel blu delle calde notti.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Viaggio Mediterraneo –  Tutte le opere esposte sono in vendita anche su Livin’art, la Galleria d’arte online.

Opere in acrilico, collage e grafite su tela, atto finale di un mediterraneo viaggio estivo dell’autore nelle assolate terre di Puglia.
Andrea Mattiello è stato ispirato dalla luce, dai colori del giorno e della notte e dalla pianta – il fico d’india – simbolo di resistenza e vita antica. Viaggio Mediterraneo sono opere solari e vitali: la semplicità del tratto e della tecnica è sintesi espressiva che riesce bene a rappresentare il sentimento mediterraneo.

con l'artista Andrea Mattiello

con l’artista Andrea Mattiello

Frammenti di Viaggio Mediterraneo è una preziosa ed originale sotto-serie di 12 piccole opere ad acrilico su tela (cm 15×15), ciascuna delle quali esprime una particolare sfumatura di colore ed una specifica rappresentazione del frutto della pianta. “Ciascuna piccola tela è diversa dall’altra, opera in miniatura di Viaggio Mediterraneo.”

Questo slideshow richiede JavaScript.

Scopri Frammenti su Livin’art, la Galleria d’arte on line

Spazio Espositivo Livin’art – Via della Cervia, 19 Lucca
4 – 16 Febbraio 2019

“Fai entrare l’arte nella tua vita, scegli le tue emozioni, investi nella bellezza dell’arte”

 

Laura Guadagnucci, coordinatrice Livin’art – Arte da Vivere

6-viaggio-mediterraneo-matt

 

La Natività nelle grandi tele di Vander

John Vander è un noto pittore statunitense dello Stato del Maine che, ormai da 25 anni, trascorre sei mesi all’anno della sua vita in Italia (per la precisione nella campagna lucchese).

John-Vander-2

John Vander al Museo Marino Marini di Pistoia con le opere della Serie NATIVITA’

Oltre ad essere eclettico artista gestisce, insieme alla moglie Karen, una galleria d’arte nella città di Boothbay Harbor. La sua vita è quindi pervasa dall’arte: la sua e quella di tutti gli altri artisti con cui è entrato in contatto.

Livin’art ha avuto l’onore di ospitare per una mostra dal titolo NATIVITA’, nello Spazio Espositivo di Via della Cervia in Lucca; un gruppo di 8 opere che fanno parte di un insieme di 14 opere relative ad un importante Progetto artistico / creativo  richiesto all’autore nel 2016 da parte del Museo Nazionale Marino Marino di Pistoia.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Si tratta di opere accomunate dal tema della Spiritualità o, più precisamente, della Natività. Infatti furono richieste per essere esposte in tale Museo durante le festività natalizie 2015 /2016.

L’approccio di Vander a questa tematica è molto interessante: non ha ricercato una rappresentazione classica, iconografica – essendo lui artista che predilige la ricerca  in un ambito per lo più astratto – ha bensì trovato un’espressione più generale e personalizzata del tema.

Ecco allora che la scelta si e diretta verso dimensioni molto grandi delle tele, a rappresentare la grandiosità del tema.

In tutte le tele è evidente le peculiarità dell’artista: la ricerca del colore, un tratto molto gestuale e la rappresentazione della luce (il giallo Vander) metafora della spiritualità.

“Ho iniziato a lavorare a questi dipinti come fosse una “meditazione sulla natività”.

Ho scoperto, mentre dipingevo, che dovevo concentrarmi sulla luce.

Luce nella stagione più buia. Non solo stagione naturale dell’anno, il solstizio d’inverno, ma anche luce spirituale. Luce come speranza e redenzione. Pace. ” J.V.

L’autore ha raccontato che man mano che procedeva alla realizzazione delle tele queste assumevano un aspetto via via più definito, meno astratto, fino ad arrivare all’ultima tela che quasi rappresenta la classica capanna con i tre personaggi del presepe.

Una mostra molto interessante, un autore di grande valore: John Vander.

Tutte le opere esposte rimangono visibili ed in vendita sulla galleria d’arte on line Livin’art – Arte da Vivere

 

 

48391832_922846741242052_4148571733693038592_o

NATIVITA’ 29 dicembre/12 gennaio 2019

Spazio Espositivo Livin’art Via della Cervia, 19 Lucca

 

 

 

Laura Guadagnucci, coordinatrice Livin’art – Arte da Vivere

nativita-livin_art

 

 

“INFINITY LANDSCAPE” di Marco Minozzi

INFINITY LANDSCAPE, L’INFINITO NEL PAESAGGIO” opere ad olio su tela di Marco Minozzi

è l’ultima mostra d’arte ospitata presso lo Spazio Espositivo Livin’art – Lucca, Via della Cervia 19

minozzi-infinity-landscape

Le 16 opere di Marco Minozzi presentate dal 31 Marzo al 20 Maggio esprimono una pittura sapiente e profonda che unisce i temi universali della classicità ad uno sguardo contemporaneo sui nostri paesaggi urbani, industriali e post industriali.

L’affascinante ed intensa pittura di Marco Minozzi è il risultato di anni di studio e approfondite esercitazioni di copia delle opere dei pittori del ‘500 e del ‘600, in particolare la scuola olandese.

Dopo un intenso periodo di apprendimento, la crescita personale ed artistica porta l’autore ad esprimere la propria visione del mondo senza perdere l’attaccamento alle tematiche paesaggistiche classiche: l’attenta prospettiva, i colori ombrosi e ricercati a completamento di una atmosfera di passato.

infinity-landscape-minozzi-

Infinity Landscape cm 80×120  il protagonista della mostra

Il fascino delle opere esposte deriva dall’equilibrata ed intensa armonia fra un’anima classica ed uno sguardo contemporaneo.

urban-landscape-70x100-marc

Urban Landscape cm 70×100

Queste le parole dell’autore Marco Minozzi

“Vecchi distretti industriali, relegati nelle periferie di complessi urbani, prendono vita in un’osmosi tra naturalismo e una forte radice classica, nel tentativo di dar vita ad un nuovo paesaggio.

Pittura e ispirazione fotografica sono unite per tentare di mostrare un corpus visivo nel quale si tenta di coniugare un difficile equilibrio, tra contesto storico e distacco oggettivo a favore di una nuova ricerca estetica ove rintracciare nuovi canoni estetici

Le opere di Marco Minozzi propongono una nuova idea di bellezza e catturano il nostro interesse di fruitori in virtù della forte e appassionata ricerca espressiva, a cui si aggiunge una spinta originalità nell’interpretazione dei nostri paesaggi urbani, industriali e post industriali

Queste opere si possono ben immaginare in un contesto di arredamento classico / moderno, dove certamente portano una nota di valore e di carattere.

E’ stato molto interessante allestire la mostra d’arte con le opere di Marco Minozzi.

Alcune fotografie dei preparativi

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il 31 Marzo 2018 c’è stata l’apertura

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Ecco l’esposizone definitiva:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Alcune immgini dei visitatori, sempre in stupefatta ammirazione

Questo slideshow richiede JavaScript.

NOTE

Un successo di questa mostra è stato l’appassionato interessamento di due affermati galleristi del Maine (U.S.A) che hanno richiesto 5 delle opere di “Infinity Landscape”

Assolutamente affascinati dallo stile di Marco Minozzi le esporranno nella loro Galleria d’arte Gold/Smith Gallery in Boothbay Harbor, Maine fra il mese di agosto e quello di settembre 2018.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tutte le opere sono disponibili ed in vendita su Livin’art – Arte da Vivere

INFINITY LANDSCAPE, L’INFINITO NEL PAESAGGIO – PITTURE AD OLIO SU TELA DI MARCO MINOZZI

31 MARZO 20 MAGGIO 2018 – LUCCA VIA DELLA CERVIA 19

Vi aspettiamo sul sito!

Laura Guadagnucci, coordinatrice Livin’art Arte da Vivere

9infinity-landscape-mino

“Listen to your heart” di Andrea Mattiello

E’ iniziata il 9 novembre l’esposizione delle quattro grandi tele dell’autore Andrea Mattiello, poliedrico artista della Scuderia Livin’art.

WP_20151106_15_56_59_Pro

Livin’art non è esclusivamente una galleria d’arte on line dove poter navigare fra opere di autori di valore, lasciarsi ispirare dall’arte che arreda ed eventualmente acquistare in modo facile e sicuro un’opera unica.

Livin’art è anche arte da poter ammirare in un contesto suggestivo come il Temporary Art, uno spazio che si trova nel pieno centro storico della città di Lucca, in una piazzetta di indiscusso fascino.

Fino al 18 novembre è possibile ammirare le grandi tele dell’autore Andrea Mattiello.

Il titolo della mostra espositiva è “Listen to your heart”, ovvero Ascolta il tuo cuore. Sono opere di forte impatto per le dimensioni, per i colori e per l’immediato riferimento alle emozioni ed alle passioni.

” Impulso e raziocinio, forza e tenerezza, gesto e linea si fondono nella serie “Listen your heart”. Cuori travolti in balia di sentimenti forti e fugaci teste in cerca di un punto di approdo creano un magma dinamico attraente e repulsivo. L’amore con i suoi tormenti – fra illusione e realtà, costruzione e decostruzione di un pensiero che non ci abbandona – è il vero protagonista di queste opere ”

 

Le opere sono realizzate con tecnica mista che prevede acrilico, grafite e collage: è molto interessante osservarle da vicino e con calma perchè più lo sguardo rimane sulla tela più da essa emergono nuove forme e nuovi particolari.

Si tratta di un’esposizione di opere d’arte da fruire facilmente ed intensamente in un ambiente unico come il Temporary Art di Via della Cervia.

Le opere dell’autore Andrea Mattiello sono visibili ed in vendita anche su www.livinart.it

http://livinart.it/it/20_andrea-mattiello-artista

Laura Guadagnucci – Livin’art Arte da vivere

Progetto fotografico ” Potere e Pathos – Variazioni ” : i bronzi ellenistici declinati ad immagine contemporanea

Lo scorso inverno a Firenze l’esposizione di un certo numero di bronzi ellenistici è stata vissuta come un vero e proprio evento, di grossa portata. E’ stata infatti la prima volta che accadeva la contemporanea messa in mostra di 50 capolavori in bronzo, provenienti dai più importani musei archeologici italiani ed internazionali, approdati quindi a Palazzo Strozzi.

Allestimento impeccabile, suggestione unica. La mostra è poi volata a Los Angeles.

Il Progetto Fotografico di Alessandro Giuliani è mosso dall’ispirazione data dalla classicità unità all’opportunità di una vicinanza fisica con le millenarie opere. Ed inizia con un taccuino di appunti

appunti per Variazioni

Il risultato finale è Variazioni I – II – III – IV

Variazioni I- II – III – IV, Opera Unica

Concepita come opera unica è costituita da stampe fotografiche cm 10×15 (1/1) realizzate in camera oscura ed apposte su n. 4 supporti in tela cm 40×40. Ogni tela ha comunque la forza ed il contenuto per una sua propria singola esistenza.

Vista la interessantissima mostra e vista l’opera Variazioni come sua interpretazione fotografica,  le considerazioni sono tante e stimolanti, l’approcio emozionale ed interpretativo infatti può scorrere su e giù su più livelli.

La ripetitività delle immagini è tipica di uno sguardo contemporaneo (Warhol), il fatto che l’oggetto dello sguardo siano opere della classicità greca rende Variazioni un’opera dalle molteplici letture ed interpretazioni. L’angolazione contemporanea data dal mezzo fotografico in sè induce a soffermarsi.

Variazioni I – Opera Unica

Variazioni IV – Opera Unica

L’apparecchio fotografico è utile strumento per non fermarsi ad una unica interpretazione artistica: diventa espediente a tutto tondo per esagerare e forse dissacrare, se pur con soggezione, il mito ma anche per avvicinarlo a noi.

L’immagine ripetuta ma non uguale a se stessa è analisi di essa, ma è anche desiderio e possibilità di sovvertire un messaggio: in teoria non occorre il ripetersi dell’immagine per rappresentare l’opera – un’opera scultorea classica che è unica ed irripetibile – ma in questo modo le si dà una nuova possibilità di agire sull’immaginario suscitando curiosità e avvicinandola ai nuovi modelli di lettura del mondo.

E’ un approccio contemporaneo sul tema dell’uomo classico.

Variazioni I e II

Variazioni II, work in progress

L’opera Variazioni ci attrae per il contrasto che contiene in sé.

Quotazione

1 Variazione 120 euro

Opera completa ( Variazione I – II – III – IV) 400 euro

Info artedavivere@livinart.it

Laura Guadagnucci – Livin’art Arte da vivere

Novità al Centro per l’ Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato

Il Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato rappresenta il cuore pulsante dell’arte contemporanea in Toscana.

Centro Pecci

Centro Pecci

La sua attività inizia negli anni ottanta all’interno di un interessante edificio progettato dall’architetto  italiano Italo Gamberini. Oggi sta attraversando un’ importante fase di ampliamento sia a livello di spazi – con la realizzazione di un modernissimo edificio commissionato all’architetto olandese Maurice Noi –  che di tipologia di progetti. Le attività sono spesso e volentieri finalizzate ad un vero e proprio  coinvolgimento della popolazione, con interessanti ed originali-innovativi interventi nelle piazze e strade della città a cui si aggiungono interessantissimi incontri ad ingresso libero con importanti personaggi del mondo dell’arte,  allo scopo di avvicinare ciascuno di noi all’arte contemporanea, alla sua lettura e comprensione.

 

 

In questo ambito si inserisce la serie di incontri dal titolo “A tu per tu con l’opera d’arte”.

locandina-pecciSette incontri ravvicinati con sette opere d’arte appartenenti alla collezione del Museo. Occasioni uniche di sentir parlare esperti come il curatore del Centro Stefano Pezzato ed avvicinarsi all’arte, facendola entrare in modo naturale nel nostro pensiero ed immaginario quotidiani.

Altro aspetto molto interessante delle attività del Centro è inerente al cosiddetto Cantiere Toscana Contemporanea, un Progetto promosso dalla regione con la finalità di far uscire l’arte dall’edificio museale per contaminare artisticamente il territorio regionale.

Un esempio è dato dalla prima esposizione personale dell’artista Isabelle Cornaro presso Casa Masaccio a San Giovanni Valdarno. Caso Masaccio si propone come uno spazio di sperimentazione di nuovi linguaggi artistici, un luogo che valorizza esperienze artistiche innovative.

 

 

Laura G. Livin’art – Arte da vivere

Laura Guadagnucci coordinatrice Livin'art

Laura Guadagnucci
coordinatrice Livin’art