“Spirituality…Again”, opera dopo opera

Opera dopo opera l’esposizione Spirituality si è arricchita ed abbellita. 6 autori per 6 idee di Spiritualità.

La mia idea iniziale riguardava solamente due opere: una accanto all’altra si sono valorizzate reciprocamente esaltando la carica spirituale di ciascuna.

“San Marco” di Marcos de Oliveira, acrilico su tela cm 100×80

e

“Lo Schiavo” di Alessandro Giuliani, stampa fotografica in camera oscura tecnica gelatina a pennello su carta da incisione, cm 60×50 Opera unica

Fra esse si è avviato un “dialogo” che, a partire dalle evidenti differenze di stile e di ricerca, è arrivato ad espimere interessantissime assonanze. Da qui il fascino della insolita esposizione con le sole due opere.

spiritualita2-cervia-lucca-

Successivamente il mio spazio  mentale si è ampliato, dando accesso a nuovo spazio fisico per ospitare opere di altri autori che ancora ruotassero attorno al forte nucleo centrale – la spiritualità – delle due opere esposte inizialmente.

Facilmente ho scoperto che altri autori della Scuderia Livin’art avevano prodotto nel tempo opere dalla forte connotazione spirituale.

La prima nuova opera ad aggiungersi a Spirituality è stata “Angelo”  l’acquarello di Fabrizio Barsotti . Un acquarello insolito per l’autore, data la sua produzione ricca di una fantasia molto colorata, comunque presente da tempo nella sua produzione. Si è subito ben collocato in una nicchia, esprimendo pienamente la sua particolare spiritualità.

angelo-schiavo-san-marco-sp

Poi è stato di nuovo il turno del fotografo Alessandro Giuliani che si è ricordato di una fotografia molto speciale dal titolo “La Preghiera”. In questo caso la commistione tra sacro e profano ha aggiunto fascino e mistero al tema principale, la spiritualità.

prayer-angelo-schiavo-san-m

Non era difficile immaginare che fra i lavori di Andrea Bucci potesse esserci un’opera che ben si inserisse nell’esposizione: tutte le opere di Bucci rimandano ad un che di etereo e celestiale. Ed ecco, infatti, individuato “Angelo”che si è inserito fra le opere presenti con grande armonia aggiungendo lo spessore estetico della Scultura.

La produzione artistica di Andrea Mattiello è ormai arrivata a toccare ambiti espressivi di diversa natura. Non avevo motivo di dubitare che anche Andrea avesse fra le sue opere una o più tele a tema. Così è stato, e “Love is my resurrection” è stato portato in Via della Cervia 19. La sua posizione l’avevo da tempo immaginata ed infatti da subito si è armonizzato con le opere già presenti.

spirituality-livin_art

La serie di opere fotografiche “Fiumi” di Marco Messina hanno una forte valenza spirituale. Infatti il tema è il Fiume inteso come scorrere del tempo, della vita e della natura. L’acqua è spiritualità e “Per sora aqua” è l’opera che più la rappresenta. E’ stata scelta ed è stata l’ultima opera aggiunta a Spirituality.

per-sora-aqua-messina-spirituality-livin_art

 

“Spirituality” esposizione d’arte a Lucca, Via della Cervia 19

6 autori per 6 idee di SPIRITUALITA’

Open Day sabato 4 febbraio 2017 h 17/20

con la presenza della Guardiana Angelica di Michaela Kasparova, anche lei in tema di Spiritualità!

angelica-kasparova-livin_art

 

Laura Guadagnucci, coordinatrice Livin’art Arte da Vivere

lauraguadagnucci-livin_art2

 

 

 

 

Spirituality, insolita esposizione d’Arte

spirituality2-de-oliveira-giuliani-livin_art-lucca

“Spirituality” è l’esposizione Natalizia Livin’art.

L’esposizione d’arte “Spirituality” è  allestita dal 23 dicembre 2016 al 6 Gennaio 2017 presso lo Spazio Espositivo di Via della Cervia 19 in Lucca. L’ Open Day è previsto per venerdì 30 dicembre 2016 dalle ore 17.00 alle ore 20.00. E’ visitabile tutti gli altri giorni, su appuntamento, sempre dalle 17 alle 20.

Un allestimento insolito, dove le opere esposte sono due.  Si tratta di due opere diverse per contenuto e forma espressiva. C’è un elemento che le unisce fortemente e fa sì che l’accostamento sia sinergico ed affascinate: l’energia come tensione spirituale.

Il fascino scaturisce dal contrasto, che l’energia creativa espressa nelle due opere trasforma in armonia.

Opere Esposte

San Marco di Marcos de Oliveira, acrilico su tela (cm 100×80)

Lo Schiavo di Alessandro Giuliani stampa in camera oscura con gelatina a pennello su carta da incisione ( da Lo Schiavo Barbuto di Michelangelo Buonarroti conservato alla Galleria dell’Accademia di Firenze) già esposto in Via della Cervia nella personale di Giuliani “Michelangelo, opera unica

Il dialogo fra le due opere è serrato, la diversità le arricchisce vicendevolmente: le linee nette ed i colori forti e decisi del San Marco sono mitigati dai grigi del bianco e nero fotografico e dall’indefinitezza dei contorni data dalla particolare modalità di stampa a pennello.

Il San Marco richiama la Beatitudine, Lo Schiavo ci parla di Dannazione. Proprio per questo le due opere traggono grande beneficio dalla loro vicinanza.

La forte tensione spirituale e l’energia che ciascuna opera ha in sè ci mette di fronte ad una esposizione d’arte di grande impatto estetico ed espressivo oltre che di fronte ad un forte senso di sacralità, come si conviene in questo periodo, Natale.

Il sacro è insito in ciascuna delle due opere:

San Marco è venerato da varie chiese cristiane: cattolica, ortodossa, copta. Inoltre il contesto sociale dell’artista brasiliano de Oliveira è dominato da una forte coscienza religiosa. L’arte di Marcos de Oliveira vuole trasmettere l’energia capace di trasformare la realtà, un potere che solo l’arte può esprimere.

Lo Schiavo Barbuto – rappresentato dal fotografo Giuliani – è uno dei sei Prigioni che Michelangelo realizzò per la tomba di Giulio II  (non furono mai utilizzati). Il caratteristico stato “non finito” dell’ opera dà un senso di energia vibrante come il protendere della figura umana verso la libertà dalla pietra grezza. La stampa fotografica a pennello aggiunge nuova energia a quella antica, rimasta nella pietra.

Per finire il pensiero del Nobel sudamericano Gabriel Garcìa Màrquez:

La cultura è la forza totalizzante della creazione: l’utilizzo dell’intelligenza umana

 

Spirituality – Esposizione d’arte Via della Cervia, 19 Lucca
23 Dicembre 2016 – 6 Gennaio 2017
www.livinart.it

Laura Guadagnucci – Livin’art Arte da Vivere

spirituality-guadagnucci-livin_art

 

Regalare arte è regalare valore

Se cerchi idee per regali originali sei nel posto giusto!

A Natale regala arte, sorprendi con regali originali, inattesi e indimenticabili.

Il Natale è alle porte e se sei alla ricerca di idee per regali originali, Livin’art è il posto giusto per te.

Hai mai pensato di regalare opere d’arte?

Regalare un quadro, una foto d’autore, una stampa o una litografia è molto più facile (ed economico) di quello che pensi!

Se vuoi sorprendere con un regalo inaspettato e sicuramente indimenticabile su Livin’art puoi scoprire idee per regali originali da fare alle persone per te più importanti.

Le Opere su carta , ad esempio, sono un genere sempre molto gradito, facile da regalare, e di grande versatilità per arredare ogni tipo di ambiente.

Alcuni degli artisti della Scuderia Livin’art realizzano, oltre che opere su tela, anche attraenti lavori su carta, che per loro natura sono leggeri ma che possono portare con sè emozioni e messaggi profondi.

Ecco alcuni esempi

Serie Festa Tibetana di Angelica Pedroso

pedroso-isola-magica-livin_art.jpg

Isola Magica

I temi dominanti sono la vita, i fiori, la natura. Ogni acquarello è pervaso da una vitalità dirompente, mai trattenuta. I colori sono vibranti, e trasmettono un pathos che ha la forza di un linguaggio universale e contemporaneo

 

L’affascinante serie Nativi Americani di Bruno Pollacci

nativo-americano-17-pollacci-livin_art-pittura

Nativo 17

Il fascino di questi disegni sui Nativi Americani nasce dalle espressioni intense, ricche di storia e di vissuto ed intrise di pensieri profondi. L’autore è spinto da un forte desiderio di mostrare e far ricordare il vissuto di questi popoli.

Sui Nativi Americani è stata allestita la mostra “Lo sguardo oltre, i miei Nativi Americani” presso Lo Spazio espositivo di Via della Cervia 19 a Lucca 8 –  22 Ottobre 2016

 

O ancora la serie di acquarelli Pensieri a Colori di Fabrizio Barsotti

barsotti-pensiero-pittura-livin_art-013

Pensiero 13

Coloratissima serie di acquarelli. Pensieri creativi, immagini fantasiose. Un messaggio allo stesso tempo leggero ed intenso. Ogni tavola ci porta in mondi nuovi, liberi di immaginare. E’ questa l’affascinante poetica di Fabrizio Barsotti.

 

Ancora i delicati acquarelli della serie Little Birds di Frederic Belaubre

bird4-belaubre-pittura-livin_art.JPG

Bird 4

Delicatissimi, raffinati acquarelli monocromo. La leggerezza e l’imprevidibilità del volo di uccello sono pienamente espressi in questa preziosa serie di piccole opere.

Dal sapore contemporaneo le opere su carta della serie Simplicity di Helen Shulkin

complex-I-helen-shulkin-livin_art.jpg

Complex I

La luce sembra dissolvere queste enormi strutture, Helen Shulkin restituisce la semplicità infinita delle loro forme, le linee che evocano ricordi ed anche malinconia.

 

I bellissimi, passionali acquarelli del Giardino Nascosto di Ilaria Perini

fiore-4-ilaria-perini-pittu.jpg

Fiore 4

Fiori levissimi ed eterei, sbocciati come pensieri appena accennati. Ogni fiore ad esprimere un diverso pensiero od una sfumatura d’animo.

 

Regalare arte significa donare la bellezza, donare un valore senza tempo.

Regalare arte significa arricchire la vita di coloro a cui vuoi bene: la persona che ami, gli amici più fidati, i genitori, i figli, per tutti c’è un’opera d’arte da regalare.

Pensi che un regalo d’arte sia troppo costoso?

Guarda tutte le nostre proposte: l’arte è per tutti (e per tutte le tasche!).

info artedavivere@livinart.it

 

Laura Guadagnucci, coordinatrice Livin’art – Arte da Vivere

907

 

 

 

Il Falconiere

La fotografia incontra l’ arte

Per chi ama l’arte classica ed ha anche uno spirito contemporaneo, il connubio fotografia/arte è certamente interessante.

Opere fotografiche uniche, da collezione, un prezioso regalo per gli amanti dell’arte classica.

La fotografia incontra l’arte

Le tavole fotografiche (cm 60×50) sono opere uniche che perpetuano le emozioni universali  di opere d’arte del periodo romantico in Italia. Opere d’arte che diventano ulteriormente fruibili, anche nel nostro quotidiano, sotto altra forma e grazie ad una affascinante ricerca fotografica.

Ecco la bellissima  Dea dei Fiori in Marmo di Carrara di Francesco Barzaghi sapientemente riproposta dalla fotografia grazie ad una spiccata sensibilità artistica ed ad una difficile tecnica di stampa lenta e creativa, in camera oscura, con gelatina a pennello su carta da incisione.

dea-dei-fiori-barzaghialessandro-giuliani-dea-dei-fiori_fotografia

E’ questo il senso del Progetto “Sguardi Immoti, Romanticismo Italiano” ad opera del fotografo Alessandro Giuliani, artista della Scuderia Livin’art:

Un progetto di interpretazione artistica dei capolavori presenti nelle sale e nei depositi della Galleria d’Arte Moderna di MilanoGAM.

Il lavoro complessivo è costituito da n.25 tavole (50×60 cm) stampate in camera oscura su carta da incisione emulsionata con gelatina.

L’obbiettivo fotografico a pellicola, il negativo e l’ulteriore elaborazione in camera oscura con una tecnica del tutto originale –  la gelatina a pennello su carta da incisione – rendono queste opere fotografiche uniche ed attraenti.

Questo è il bellissimo Achille ferito in Marmo di Carrara di Innocenzo Fraccaroli

achille-ferito

così reinterpretato nella fotografia, opera unica, di Giuliani

giuliani-fotografia-sguardi-immoti3-livin_art

Un lavoro fotografico di grande forza espressiva, che rende onore ed omaggio ad artisti italiani del XIX secolo, e dà la possibilità di godere ancora dei loro “sguardi immoti“.

Ancora un bellissimo esempio con La Maddalena penitente di Francesco Hayez hayez-maddalena-penitente

Ed ecco l’affascinante opera di Giuliani, una fotografia stampata in camera oscura su carta da incisione, che potremmo avere tutti i giorni davanti ai nostri occhi …

La Maddalena (part.)

Stampa in camera oscura, con geatina a pennello su carta da incisione

maddalena-hayez-fotografia-giuliani-livin_art

Fotografie, opere uniche, arte classica

info artedavivere@livinart.it

 

Laura Guadagnucci
coordinatrice Livin’art – Arte da Vivere

laura-guadagnucci-livin_art-blog-artedavivere

 

Regalare arte, con Livin’art

scegli-le-tue-emozioni

Regalare arte è un’occasione unica per parlare di sé e delle proprie emozioni alle persone che ami

 

Livin’art è felice di poter proporre delle idee per un Natale ricco di emozioni e di regali pensati ad arte perchè unici ed irripetibili.

Acquistare con Livin’art è facile e sicuro

L’arte e la creatività danno emozioni uniche che spesso e volentieri abbiamo voglia di condividere con le persone che conosciamo e/o amiamo!

I regali ed il Natale sono un’occasione per esprimere qualcosa di sè, per “scegliere le proprie emozioni” e condividerle con chi vogliamo!

Oggi vogliamo proporre opere distensive e pensare a possibili regali che facciano sorridere e che possano rendere più allegra ed originale una stanza.

Parliamo di FIORI!

Le opere della serie “Ninfee, i fiori d’acqua” di Andrea Mattiello hanno forme e colori accattivanti e suggestive che richiamano la pace dei laghetti e dei giardini.

La tecnica del collage è affascinante e non è affatto semplice come si può pensare. Richiede una grande abilità manuale ed una dote istintiva nella realizzazione di una armoniosa composizione.

Queste sono le Ninfee di piccole dimensioni.

ninfee-livin_art-lucca-mattiello1

Ma ci sono anche Ninfee più grandi …

ninfee

Navigando fra le opere di Andrea Mattiello le puoi scoprire tutte!

Puoi anche guardare il post su questo blog  della mostra espositiva di Andrea Mattiello “Ninfee, i fiori d’acqua”

 

Ci sono anche altri fiori nel “giardino Livin’art” anch’essi di grande suggestione e bellezza, fanno parte di un “Giardino Nascosto” che è il titolo della serie di Ilaria Perini.

Ecco un esempio, per vederli tutti naviga nel Giardino Nascosto di Ilaria Perini

girasole-1-ilaria-perini-pi

Per qualsiasi richiesta od informazione artedavivere@livinart.it

Livin’art – Arte da Vivere
Laura Guadagnucci – coordinatrice Livin’art

instagramcapture_90504b50-ae44-4f37-b534-1224dcd6dac6

Fai entrare l’arte nella tua vita, scegli le tue emozioni, investi nella bellezza dell’arte

 

 

I bellissimi Nativi Americani, oggi

livin_art-arte-lucca-nativi-americani-pollacci9

L’ultima esposizione che si è svolta allo Spazio Espositivo di Via della Cervia 19 nel centro storico della città di Lucca è stata un vero e proprio omaggio alla storia di un popolo che ancora oggi ci riguarda: i Nativi Americani.

livin_art-arte-lucca-nativi-americani-pollacci5

Bruno Pollacci, col suo tratto sapiente e fortemente espressivo, ci ha restituito il vissuto di molti di questi personaggi. Un vissuto che da fiero si è tramutato in tragico per la storia che tutti conosciamo.

bruno-pollacci-pittura-livi

Le 20 opere che erano esposte sono delle intense reinterpretazioni di scatti fotografici realizzati alla fine dell’800. Una sorta di documentazione fotografica che fu realizzata per testimoniare chi era rimasto di quella popolazione, le loro espressioni, le loro passate sofferenze, ma anche – in alcuni casi –  la mai perduta fierezza.

La volontà dell’autore, assolutamente affascinato dal popolo e dalla forte spiritualità che lo ha sempre guidato, si è manifestata in un fervido lavoro che ha portato ad un numero importane di opere a seppia, carboncino, acquarello, seppia e carboncino acquarellati.

E’ stata un’occasione unica: come sempre lo Spazio Espositivo di Via della Cervia in Lucca ha valorizzato le opere che, raccolte in uno spazio misurato e suggestivo, hanno emanato la forza ed il fascino che già avevano in sè.

Un pomeriggio durante il periodo di esposizione è stato dedicato alla musica. L’arte è un ottimo sfondo per una certa musica, e certa musica è un ottimo sottofondo per l’arte. Infatti si è trattato di un connubio arte&musica riuscitissimo.

Si sono esibiti, sotto lo sguardo assorto e sapiente dei Nativi, il Duo Musicale La Dama e l’unicorno (Anastasia Giusti e Daniele Ranieri)  le cui ricercatissime narrazioni musicali all’arpa e chitarra hanno fatto da giusto accompagnamento alla già emozionante  esposizione.

E’ stata davvero una bella mostra, dove gli sguardi intensi degli uomini e delle donne Nativi Americani non hanno lasciato indifferente nessun visitatore; del resto i lavori artistici del Maestro Pollacci nascono sempre da un forte coinvolgimento emotivo unito ad un profondo riconoscimento verso le persone ed i personaggi oggetto delle sue opere.

Il caso ha anche voluto che proprio il 12 ottobre – giorno del Columbus Day – sia entrata allo Spazio Espositivo una  diretta discendente di quei popoli che, emozionata, ha lasciato la sua traccia…

“Lo sguardo oltre, i miei Nativi Americani” opere di pittura e grafica di Bruno Pollacci

8 – 22 -ottobre 2016 Spazio Espositivo via della Cervia, 19 Lucca Centro Storico

“Ho da sempre un feeling ideologico con la cultura e la filosofia dei “Nativi Americani”. Disegno e dipingo il loro dolore per la loro condizione di “segregazione” nelle riserve e per tutto quello di cui sono stati privati (la terra, la libertà, la cultura, il rapporto con la natura). Nello stesso momento è inevitabile disegnare e dipingere la loro intima fierezza.”

 

Per saperne di più su Bruno Pollacci e le sue opere : Livin’art Arte da Vivere

Per qualsiasi richiesta o informazione: artedavivere@livinart.it

 

Laura Guadagnucci – coordinatrice Livin’art Arte da Vivere

laura-guadagnucci-nativi-americani-livin_art-lucca-pollacci

 

 

14037764_1739171323000009_432584373_o

Le Ninfee, fiori d’acqua – Un giardino in città

L’ultima mostra presso lo Spazio Espositivo in Via della Cervia, 19 a Lucca ha avuto come tema le Ninfee, i fiori d’acquaL’autore è Andrea Mattiello.

Questi originalissimi fiori esercitano un grande fascino e sono da sempre motivo di ispirazione artistica, basti pensare alle grandi opere di Claude Monet.

L’acqua è un elemento che porta con sé l’idea di nascita e di vita, ed i giardini acquatici richiamano un senso di pace e di profondità, inducendo alla riflessione.

L’ispirazione di Andrea Mattiello nasce da questo e le sue composizioni in acrilico e collage su tela esprimono una serena introversione.

 

Le Ninfee sono dei bellissimi fiori acquatici che non smettono di affascinarci.
Solitari e placidi abbelliscono piccoli e grandi specchi d’acqua. Esaltando la bellezza di certi angoli naturali ci fanno sentire in armonia con la natura.


Le opere di Andrea Mattiello suggeriscono sensazioni fluide e leggere come l’acqua, i fiori ed i pensieri:
stralci di carta sapientemente composti sulla tela richiamano i leggeri movimenti d’acqua, i riflessi, le ombre ed i colori di quelle preziose porzioni di mondo che sono i giardini acquatici.”

 

L’ esposizione di Via della Cervia ha valorizzato le opere di Andrea: le giuste dimensioni e proporzioni dello spazio hanno fatto “uscire” l’atmosfera tipica di un giardino appartato e silenzioso.

 

L’ispirazione di Andrea Mattiello non si è conclusa ed ha appena realizzato tre nuove opere dai titoli molto evocativi:

sole-azzurro-andrea-mattiello-livin_art-pittura

“Sole Azzurro” acrilico e collage su tela cm 20×40 – dittico

 

silenziosa-attesa-andrea-mattiello-livin_art-pittura

“Rifugiarsi nella silenziosa attesa del niente”
acrilico e collage su tela cm 50×70

 

arcipelago-azzurro-andrea-mattiello-livin_art-pittura

“Ancorerò al cuore i ricordi dell’arcipelago azzurro”
acrilico e collage su tela cm 50×70

Tutte le opere della serie “Waterflowers” sono disponibili sul sito Livin’art – Arte da Vivere!

info artedavivere@livinart.it / www.livinart.it

 

Laura Guadagnucci, coordinatrice Livin’art – Arte da Vivere

livin_art-laura-guadagnucci

 

 

 

 

simplicity-visitatori-livin_art

Il nuovo paesaggio di Helen Shulkin

E’ stato molto  interessante allestire l’esposizione

“Simplicity”, il paesaggio urbano di Helen Shulkin.

Quando sono arrivate le opere dalla Germania è stata una bella sorpresa:

18 opere di varie misure in acrilico e china su carta.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Leggerissime opere su carta a rappresentare paesaggi urbani popolati di strutture metalliche ed edifici per lo più industriali.

Il supporto in  carta, mentre esalta il contrasto con le strutture rappresentate, dà anche un piacevole effetto di morbidezza che la tela non riuscirebbe a restituire.

Un contrasto che porta dietro a sé fascino.

Il tratto gestuale di Helen Shulkin si unisce armoniosamente al suo impeto creativo. I paesaggi di Helen Shulkin sono nuovi paesaggi che esprimono un nuovo pensiero sul significato ed il valore di questi ambienti periferici ma non certo marginali.

E’ davvero molto interessante la varietà di tratto di Helen Shulkin a dimostrazione del suo gesto sicuro e delle sue sicure competenze. Un tratto che a volte è netto altre volte discontinuo, qua spesso e poco lontano più leggero.

Tutto questo porta grande energia ed espressività ad ogni opera.

Dopo queste riflessioni e dopo un certo pensare è venuto naturale utilizzare  – per allestire l’esposizione – gli stessi materiali ferrosi oggetto delle opere.

Questo slideshow richiede JavaScript.

L’insieme è risultato di grande naturalezza.

Ogni visitatore ha espresso un suo pensiero specifico, ogni volta interessante e stimolante.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Helen Shulkin e le sue opere sono già apprezzate e conosciute in Germania ed in Europa.

Questa – presso lo Spazio Espositivo di Via della Cervia 19 in Lucca – è la sua prima esposizione in Italia.

Le opere di Helen Shulkin sono visibili ed in vendita su Livin’art Arte da Vivere .

 

Laura Guadagnucci – Livin’art Arte da Vivere

InstagramCapture_ab0c1db5-1c26-4fe4-88a3-ad7f5fde7631

 

 

Affascinanti creature artistiche

Sono affascinanti creature che nascono dalla fantasia di Michaela Kasparova: Le Guardiane.
Sono sculture in stoffe, tessuti, filo di ferro e legno. L’altezza varia dagli 80 ai 170 cm.
Dietro al loro aspetto pacifico, immobile e – ad un primo impatto – giocoso, si celano altri aspetti, più articolati. Per questo ci affascinano, diversamente da una qualsiasi altra bambola in stoffa.


La cifra espressiva dell’artista Michaela Kasparova passa sempre per le strade dell’io fanciullo; anche le sue tele ricche di colori e popolate di animali e personaggi in continuo movimento portano al mondo dell’infanzia. Ma è solo una delle angolazioni interpretative.

Ma torniamo alle Guardiane.

Non ci sfugge che ciascuna delle Guardiane manifesti un carattere ed una personalità od una scelta di vita, od un momento della vita dell’artista, od un suo interesse, una sua curiosità.
Sono ricche Le Guardiane, di tessuti e di stoffe e per questo non ci stancano. Sono strane, eccentriche ma sobrie. Ogni pezzo di esse ha un sua motivazione. Per questo non finiamo mai di scrutarle. Se ci giriamo attorno scopriamo sempre qualcosa di nuovo, qualche particolare.

Questo slideshow richiede JavaScript.


Sono degli oggetti di grande fascino, che arredano molto bene gli ambienti personalizzandoli e rendendoli del tutto originali.
Sono delle vere e proprie “opere”,  preziose sia per la quantità di lavoro necessario a realizzarle sia per la preziosità delle stoffe utilizzate; sono frutto di significative competenze che l’artista ha acquisito nella Repubblica Ceca – suo paese di origine – conseguendo la Laurea in Design del tessuto.
La specifica competenza unita alla creatività esuberante ha portato Michaela Kasparova a realizzare queste opere uniche e già molto apprezzate.

Questo slideshow richiede JavaScript.


Allestirle tutte insieme presso lo Spazio Espositivo di Via della Cervia 19 è stato un grande piacere, uno stimolo ed anche un divertimento! Finalmente riunite in un luogo  appropriato alle loro caratteristiche. Le sentiamo a loro agio, padrone del luogo: le Guardiane ci guardano e si lasciano guardare!
Da non perdere!

“Le Guardiane stanno ferme e guardano, osservano silenziose e si lasciano osservare. Ciascuna ha una storia ed una sua personalità. Nascono dalla fantasia di Michaela Kasparova e poi iniziano la loro vita …

Opere Uniche interamente realizzate a mano con tessuti di varia provenienza, storia e preziosità.”

3-12 giugno h 17/19
Laura Guadagnucci – Livin’art Arte da Vivere

laura-guadagnucci-livin_art

Sguardi immoti – fotografia

sguardi-immoti-giuliani-livin_artA

L’ingresso è al buio, due alla volta, musica di sottofondo.
Le 8 opere in mostra fanno parte di un lavoro di interpretazione artistico/ fotografica di alcuni capolavori presenti alla Galleria d’Arte Moderna di Milano (GAM). L’autore  è il fotografo Alessandro Giuliani.

Quattro di queste opere fotografiche sono state inserite all’interno della guida del Museo.

Il lavoro complessivo è costituito da 25 tavole fotografiche, opere uniche. L’autore all’interno del Museo, seguendo la sua ispirazione, ha fatto una serie di scatti su pellicola in bianco e nero.

Il risultato finale sono preziose stampe in camera oscura. La tecnica di stampa utilizzata è detta “gelatina a pennello”.

 

L’autore agisce  intervedendo a pennello sulla carta da stampa, impregnata di gelatina, prima che su questa venga fissata l’immagine. Un passaggio creativo che esalta la bellezza delle opere d’arte oggetto dello scatto fotografico, e che dona all’immagine un senso di indefinito e di antico.

L’installazione è fascinosa e suggestiva, le opere retroillumninate sprigionano il massimo della loro forza  espressiva.

sguardi-immoti-giuliani-livin_artB

 

Il contrasto fra la sacralità delle opere classiche oggetto dello scatto di Giuliani e la semplicità dell’installazione rende la visita allo spazio espositivo di Via della Cervia un’occasione sensoriale molto interessante.

I preparativi …

Questo slideshow richiede JavaScript.

Da non perdere!

Le opere sono visibili ed in vendita sul nostro sito www.livinart.it

Per qualsiasi ulteriore richiesta e/o informazione artedavivere@livinart.it

Laura Guadagnucci

laura-guadagnucci-livin_art

coordinatrice Livin’art – Arte da Vivere