marco-minozzi-emersioni-1

Marco Minozzi, l’autore, fra le sue EMERSIONI

C’è sempre una certa attesa quando l’artista viene a vedere le sue opere allestite allo Spazio Espositivo, una accanto all’altra, posizionate seguendo una mia logica personale che rispecchia le impressioni che ho ricevuto dalle opere.

E’ un processo piuttosto istintivo quello che mi porta ad “accoppiare” o “separare” le opere. Dopo la disposizione devo avvertire una naturale armonia, una fluidità visiva. Alcune opere hanno bisogno di stare vicine per rafforzare il loro contenuto, altre hanno bisogno di una distanza per essere ben comprese, fino ad arrivare a quelle opere che devono assolutamete stare da sole.

Il Ciclo Emersioni di Marco Minozzi è un ciclo di opere davvero denso di contenuti. I particolari davvero “emergono” lentamente, e spontaneamente, sguardo dopo sguardo: non si vede tutto al primo approccio visivo. Per questo non annoiano, sono fonte di continue scoperte visive e continue riflessioni.

Sarà perchè offrono vari livelli di lettura, sarà perche come dice l’autore “vi si crea un cortocircuito fra passato e presente” da cui scaturiscono continui rimandi e rimabalzi fra memoria personale e memoria collettiva. Fatto sta che ciascuna opera del Ciclo Emersioni non si esaurisce in sè, la guardi e la riguardi e ti cattura, portandoti dentro la tela.

Ti “immergi” e vai dentro, poi “emergi” soddisfatto, arricchito e con il proposito di reimmergerti nuovamente.

Avere con sè un’opera del Ciclo Emersioni è possedere una narrazione, è come leggere un classico, è come ascoltare un brano musicale di un grande compositore.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Marco Minozzi, l’autore, fra le sue opere esposte, è stato un  interessante ed interessato osservatore.  E’ sembrato stupito come se vedesse qualcosa di nuovo, soddisfatto nel ritrovare ben esposto il suo personale contenuto artistico.

Marco Minozzi ha realizzato l’ultima opera del Ciclo Emersioni nel 2017 (la prima nel 2006). Dal 2017 si è dedicato ad un nuovo interessantissimo filone, quello dei paesaggi urbani.

Mi piace adesso evidenziare che, dopo l’allestimento della mostra, Marco Minozzi ha avuto una nuova ispirazione: una nuova Emersione è nata nella sua testa ed ha realizzato in breve tempo una nuova opera di importanti dimensioni (cm 70×100) che aggiungeremo al Ciclo Emersioni.

Si intitola Locking for another Eclipse (2021). La mostriamo qui, in anteprima:

 

Locking-another-eclipse-minozzi-livin_art

 

La mostra è visibile su appuntamento presso lo Spazio Espositivo Livin’art, è possibile seguire aggiornamenti quotidiani online (FB, Instagram, TW, Linkedin, Blog ArtedaVivere).

Se sei interessato all’intera Serie del Ciclo puoi scaricare sia il Catalogo Emersioni Marco Minozzi Livin_art, sia una interessantissima e completa nota critica di Raphy Sarkissian (docente presso la School of Visual Art di New York).

Ricordiamo che “spediamo arte a casa” e che acquistare con Livin’art è facile e sicuro; è possibile farlo presso il nostro Spazio Espositivo, o tramite bonifico bancario, carta di credito, PayPal, o mezzo contrassegno alla consegna.

Livin’art è la  galleria d’arte dove puoi conoscere artisti di valore e trovare risposte al tuo desiderio di gusto, di bellezza, di originalità.

Laura Guadagnucci, coordinatrice Livin’art – Arte da Vivere

Copia di DSC00056

Afrodite-minozzi-livin_art

Aphrodyte’s Room

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

Serie EMERSIONI di Marco Minozzi
Aphrodyte’s Room” olio su tela cm 60×50
Aphrodythe’s Room attinge al periodo maggiormente “rembrantiano” dell’autore che, nel celebrare la donna, (rappresentando la dea greca Aphrodyte dai connotati fortemente simbolici), unisce nello stile classicità ed elementi di assoluta contemporaneità che afferiscono a richiami onirici o addirittura del subconscio. Un cortocircuito fra passato e presente da cui nasce il concetto di “Emersione”.
La stanza di Afrodite trasporta l’immaginazione verso il passato, pur mantenendo uno stretto contatto con la realtà ed il linguaggio dell’uomo contemporaneo.
Spazio Espositivo Livin’art Via della Cervia, 19 Lucca
3 – 31 Gennaio su appuntamento
Aggiornamenti online
Per qualsiasi informazione, richiesta contattaci. Puoi scaricare il  Catalogo Emersioni Marco Minozzi Livin_art corredato da una nota critica di Raphy Sarkissian, docennte presso la Scholl of Visual Art di New York.
emersioni-minozzi-livin_art

Rewind Infinity e Matrix, opere ad olio su tela di Marco Minozzi

emersioni-minozzi-livin_art

Ciclo Emersioni di Marco Minozzi 
Spazio Espositivo Livin’art 3 – 31 Gennaio 2021 (su appuntamento)
“Rewind Infinity” olio su tela cm 70×100 e “Matrix” olio su tela cm 80×60
Figure umane, animali, vegetali, e l’uovo come quasi astratto simbolo di rinascita. Vi è tutto un universo.
Opere che ci colgono per la loro totalità espressiva e simbolica umanità. I colori, come scabri, derivano da una sapiente complessità di azione su tela.
Idee ed immagini che emergono verso di noi, e dentro di noi. www.livinart.it/it/marco-minozzi
Se sei interessato al catalogo del Ciclo Emersioni puoi scaricarlo  in formato pdf Catalogo Emersioni Marco Minozzi Livin_art
EMERSIONI

“Idee, abbozzi di pensiero, l’uovo come simbolo di vita e rinascita, misteriosi alfabeti vengono inglobati in contestisemiastratti e monocromatici che appaiono in un oscurità densa e totalizzante.”

Per qualsiasi richiesta e/o informazione contattaci

 

Copia di Three houses

Lettere, parole, segni e tracce fanno parte delle opere di Marco Minozzi

Lettere, parole, segni e tracce appaiono in modo ricorrente nei dipinti di Marco Minozzi. Elementi che arricchiscono le opere, portando mistero insieme ad un senso di libertà interpretativa. Inoltre hanno il potere di mettere in gioco e a nudo, l’interiorità, il subconscio, dell’autore.
Un esempio sono le tre opere qui sotto:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Three Houses olio su tela m 60×50 – Three Figures cm 80×60 – Rewind Infinity cm 70×100
Abbiamo chiesto all’autore una riflessione in merito, queste le sue parole:
“I segni, le lettere o i numeri sono simboli, alfabeti misteriosi che hanno solo la funzione di evocare in parte il nostro linguaggio, la nostra memoria, la secolare comunicazione che si fa pittura.
Non ha importanza il significato di questi segni alfanumerici, importa piuttosto la loro funzione evocatrice, è l’insieme del tutto che si fa anche peecezione.
Una sorta di icona dei nostri linguaggi universali e millenari.”
Marco Minozzi
Le tre opere fanno parte del Ciclo Emersioni, una significativa produzione artistica di Marco Minozzi, al centro della quale idee, abbozzi di pensiero, l’uovo come simbolo di vita e rinascita, misteriosi alfabeti vengono inglobati in contesti semiastratti e monocromatici che appaiono in un oscurità densa e totalizzante.
9 opere di questa serie sono esposte presso Lo Spazio Espositivo Livin’art in Lucca dal 3 al 31 Gennaio, ed in modo permanente sulla nostra Galleria online www.livinart.it/it/marco-minozzi
Acquistare con Livin’art è facile e sicuro, per qualsiasi richiesta e/o informazione contattaci.
Laura Guadagnucci, coordinatrice Livin’art – Arte da Vivere

Fragments and Aphrodyte’s Room by Marco Minozzi

EMERSIONI opere ad olio su tela di Marco Minozzi
Spazio Espositivo Livin’art Via della Cervia, 19 – Lucca – 3/31 Gennaio 2021
su appuntamento, aggiornamenti online
Fragments 2 cm 80×60
Frammenti di memoria che si ricompongono sulla tela, non una narrazione logica né certa quanto probabili emersioni artistiche e mentali che lasciano lo spettatore libero verso un coinvolgimento personalizzato.
Aphrodyte’s Room cm 60×50
Aphrodithe’s room attinge al periodo maggiormente “rembrantiano” dell’autore che, nel celebrare la donna, unisce nello stile classicità ed elementi di contemporaneità. Un cortocircuito fra
passato e presente che da cui nasce il concetto di “Emersione”.
Conosci l’autore e le sue opere sul nostro portale d’arte Livin’art: Marco Minozzi – Livin’art
Per qualsiasi richiesta e/o informazione contattaci.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Matrix com 80x60

Serie Emersioni, opere ad olio su tela di Marco Minozzi

Emersioni, opere ad olio su tela di Marco Minozzi
Spazio Espositivo Livin’art Via della Cervia, 19 – Lucca 3 – 31 Gennaio 2021
su appuntamento, aggiornamenti online
Per la prima volta insieme, 8 opere emblematiche della Serie Emersioni sono in esposizione a Lucca. La plasticità del colore, la particolare tecnica di stesura unite ai contenuti altamente enigmatici e simbolici fanno di questa serie di opere un unicum nella produzione di Marco Minozzi.
“Rewind Infinity” olio su tela cm 70×100 e “Matrix” olio su tela cm 80×60
Figure umane, animali, vegetali, e l’uovo come quasi astratto simbolo di rinascita. Vi è tutto un universo. Opere che ci colgono per la loro totalità espressiva e simbolica umanità.
I colori, come scabri, derivano invece da una sapiente complessità di azione su tela. Ancora una volta la sensazione di un qualcosa che emerge verso di noi, e dentro di noi.
Per qualsiasi richiesta e/o informazione contattaci.
Three Figures

Una importante presentazione di “Emersioni” opere ad olio su tela di Marco Minozzi

Marco Minozzi è artista conosciuto anche fuori dai nostri confini nazionali, quindi in Europa e negli Stati Uniti.

Mostriamo, con soddisfazione, la presentazione di Raphy Sarkissian (storico dell’arte e docente presso la School of visual Art di New York) che segue con interesse da oltre-oceano il lavoro e l’evoluzione artistica di Marco Minozzi.

Arte da vivere

Via della Cervia, 19
55100 Lucca, Italia
3—31 gennaio 2021

“Arte da vivere” è lieta di presentare una mostra intitolata Emersioni, che espone dipinti di Marco Minozzi nel suo spazio a Lucca, in Italia, indicativamente prevista per il mese di gennaio 2021. Questa sarà la terza mostra personale dell’artista presso la galleria.

Emersioni comprende otto opere significative del ciclo Assorbimento, in cui Minozzi unisce figure altamente enigmatiche all’interno di basi compositive astratte, per lo più sottoposte a un’illuminazione tenebristica dai colori ricchi. Eseguiti tra il 2006 e il 2017, molti di questi dipinti contemplativi utilizzano la griglia come mezzo per disporre figure come il corpo umano, il motivo dell’uovo, l’albero e il cavallo, accompagnate da parole completamente o parzialmente leggibili, eseguite attraverso una sorprendente grammatica pittorica, particolarmente gestuale che rivela il processo della pittura ed evoca la fenomenologia dell’esperienza visiva.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Insieme alle raffigurazioni di istanze del mondo visibile, forme figurali, ampiamente emblematiche e immaginarie, abitano questi spazi pittorici, come la rappresentazione di una figura simile a un cavallo decorata con segni circolari e caratteri alfanumerici, annidata nella seconda colonna e terza fila di Matrix (2013), o l’eterea figura femminile in volo all’interno della quarta cella più bassa di questo dipinto eccezionalmente intrigante.

Altamente cariche di introspezione e ampiamente referenziali alla storia della rappresentazione pittorica, queste opere di Minozzi evocano istanze figurative e testuali del maestro surrealista belga René Magritte, i celebri artisti d’avanguardia italiani del dopoguerra Jannis Kounellis e Fabio Mauri, e uno dei più importanti pittori americani, Cy Twombly, che si sarebbe stabilito a Roma alla fine degli anni Cinquanta. Minozzi ha osservato: “Mentre l’arte povera, termine coniato da Germano Celant per caratterizzare la corrente artistica italiana non convenzionale del dopoguerra, ha svolto un ruolo importante nella mia pratica, i miei dipinti toccano alcuni elementi di quel movimento piuttosto che la sua radicalità complessiva dei materiali. Il mio lavoro cerca di toccare la percezione del mondo visibile e invisibile attraverso istanze di memoria culturale, segni, indici, numeri e parole, ma anche enigmi di miti e leggende. I miei dipinti sono legati a varie istanze pittoriche di Rembrandt e Anselm Kiefer, in modo da lasciare il posto a un logos personale e collettivo allo stesso tempo”.

Poiché tre tipi di segni classificati come icone (figure simili), simboli (lettere e parole) e indici (segni, tracce) appaiono ricorrentemente in questi provocatori dipinti in mostra, Minozzi impregna le opere di forme semiotiche, come teorizzato dal noto americano logico Charles Sandres Peirce.

Rewind/Infinity (2013), ad esempio, illustra allo spettatore rappresentazioni inquietanti del torso umano in varie posture. Queste icone del corpo sono incastonate all’interno di spazi oscuri che sono incorniciati da compartimenti rettangolari altamente luminosi, entro i quali la materia cruda dell’olio è declinata con segni indici e o simboli lessicali che articolano l’arena visiva. Avendo limitato le icone o rappresentazioni pittoriche, a una selezione limitata di luoghi sulla superficie del dipinto, Minozzi traduce il processo di visualizzazione in punti focali specifici in dati momenti dell’esperienza percettiva. Come suggerisce in modo intrigante il titolo bipartito del dipinto, la rappresentazione visiva può tentare di riavvolgere la percezione temporale o sospenderla all’infinito. In effetti, l’esperienza ottica all’interno del campo visivo avviene in punti focali specifici in momenti specifici del tempo, sistematicamente punteggiati dal battito di ciglia condizionato dal corpo pulsante. Mentre “infinito” può implicare la pratica pittorica idealizzata e rinascimentale in una certa misura, “rewind” indica la temporalità della visione e il meccanismo dell’esperienza ottica, con una pluralità di possibilità rappresentative specifiche del mezzo che hanno preoccupato i professionisti di espressioni pittoriche moderniste e contemporanee.

Attraverso questa serie di opere, le figure costruite da Minozzi trasmettono un senso di viscerale e sfuggente, se non di mistico. È come se la percezione stessa, una volta indagata, tentasse di dissolversi e trascendere le convenzioni, richiamando lo scisma di Maurice Merleau-Ponty quando spiega: “Non possiamo costruire la percezione della cosa e del mondo da aspetti discreti più di quanto possiamo comporre la visione binoculare di un oggetto da due immagini monoculari. Le mie esperienze del mondo sono integrate in un unico mondo, mentre la doppia immagine si fonde nell’unica cosa, quando il mio dito smette di premere sul mio bulbo oculare. Non ho una prospettiva, poi un’altra, ma ogni prospettiva si fonde nell’altra e, nella misura in cui è ancora possibile parlare di una sintesi, si tratta di una ‘transizione-sintesi'”.*

Come suggerisce il titolo della mostra Emersioni, questi distintivi dipinti di Minozzi affrontano emersioni fenomenologiche di percezione ed esperienze vissute, qui rappresentate attraverso i dispositivi della pittura modernista e contemporanea. Con tutta la sua modernità, questo corpus di opere di Minozzi porta tuttavia una sensibilità accresciuta e reinventata del Barocco.

Raphy Sarkissian

Raffaello Autoritratto

2020, Raffaello Sanzio, la Pandemia

Si conclude il 2020, anno in cui è stato celebrato il 500esimo anniversario dalla morte del sommo artista Raffaello Sanzio.
Andrea Mattiello, creativo introspettivo, attento e sensibile, è riuscito a far convivere due eventi che hanno caratterizzato questo 2020.
E’ riuscito ad esprimere una bellezza positiva, senza dimenticare la difficile esperienza che tutta l’umanità ha dovuto affrontare.

“Lontana è la lettura di una mascherina angosciante o intrisa di dolore. La mascherina diventa elemento positivo e salvifico, scudo e protezione di un tesoro da salvaguardare fatto di memoria e umanità, il luogo da cui ripartire per colorare nuovamente le nostre menti e i nostri cuori inariditi.”

Le opere della serie D’apres Raffaello sono realizzate sia con la tecnica del collage su cartoncino cm 22×29, sia come acrilici su tela di dimensioni più grandi.
Scoprile tutte sul nostro portale d’arte Livin’art www.livinart.it/it/andrea-mattiello
Le opere in acrilico su tela:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Le opere con la tecnica del collage su cartoncino:

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

Rewind Infinity

Serie “EMERSIONI” di Marco Minozzi

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

GENNAIO 2021

SPAZIO ESPOSITIVO LIVIN’ART

VIA DELLA CERVIA, 19 LUCCA

Marco Minozzi vive e lavora a Firenze da molti anni. E’ nato a Roma dove ha trascorso parte della sua crescita e formazione artistica.
Si impadronisce della tecnica dell’olio su tela attraverso un continuo lavoro di copia degli antichi maestri del 500 e 600 sotto la guida di un maestro, acquisendo nello stesso tempo i segreti riguardanti la preparazione dei colori, dei metodi e dei materiali della tecnica pittorica.

Ha poi affinato le sue abilità nella figurazione, nell’astrazione parziale fino a includere la figura umana all’interno di ambientazioni astratte, circondate da forme emblematiche che innescano inevitabilmente la percezione dello spettatore, come tipicamente si osserva nella Serie Emersioni che qui presentiamo.

info artedavivere@livinart.it

 

Arte e pensieri da San Paolo del Brasile

Marzo / Maggio 2020  Lucca, Italia – San Paolo, Brasile

 

Siamo sempre rimaste in contatto io ed Angelica Pedroso, l’artista della Scuderia Livin’art che vive e lavora a San Paolo del Brasile.

Ci aggiornavamo sulle reciproche situazioni del nostri Paesi. Quando in Brasile ancora non si avvertiva il pericolo, in Italia eravamo già nel pieno del confinamento.

Ed un po’ in italiano un po’ in portoghese, con il suo wi-fi che andava e veniva, ci chiedevamo l’un l’altra come si vivevano le giornate.

Angelica spesso mi chiedeva “Puoi andare a café?”… Questo le serviva per capire la situazione qua in Italia! Ho risposto per molte, molte volte “No, non ancora”

Lei comunque lavorava, pensava e produceva arte. Fino a che, praticamente tutti insieme mi sono arrivate le immagini dei piccoli 19 “capolavori” ad acquarello su carta.

Questo slideshow richiede JavaScript.

19 piccole opere uniche, 19 pensieri per l’Italia e per gli italiani. Angelica (è stata in Italia un po’ di anni fa) ama molto l’Italia.

In esclusiva per Livin’art.

19 piccole opere d’arte accompagnate da un lungo pensiero, una riflessione, ed un ricordo concreto di Venezia (un città/sogno ed emblema per qualunque non-italiano).

In questo periodo di solitudine del Mondo, vivo lo spettacolo della ripresa terrestre; rendo omaggio agli italiani ricordando l’afffascinante lavoro dei cappellai di Venezia, in questo periodo blu della mia immaginazione, un profondo periodo di silenzio e riflessione per mettere in salvo l’umanità. Angelica Pedroso

 

Per qualsiasi richiesta e/o informazioni sulle opere della Serie CHAPELEIRO DE VENEZA contattaci! artedavivere@livinar.it

Laura Guadagnucci

coordinatrice Livin’art Arte da Vivere