Tag Archives: blog arte

Afrodite-minozzi-livin_art

Aphrodyte’s Room

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

Serie EMERSIONI di Marco Minozzi
Aphrodyte’s Room” olio su tela cm 60×50
Aphrodythe’s Room attinge al periodo maggiormente “rembrantiano” dell’autore che, nel celebrare la donna, (rappresentando la dea greca Aphrodyte dai connotati fortemente simbolici), unisce nello stile classicità ed elementi di assoluta contemporaneità che afferiscono a richiami onirici o addirittura del subconscio. Un cortocircuito fra passato e presente da cui nasce il concetto di “Emersione”.
La stanza di Afrodite trasporta l’immaginazione verso il passato, pur mantenendo uno stretto contatto con la realtà ed il linguaggio dell’uomo contemporaneo.
Spazio Espositivo Livin’art Via della Cervia, 19 Lucca
3 – 31 Gennaio su appuntamento
Aggiornamenti online
Per qualsiasi informazione, richiesta contattaci. Puoi scaricare il  Catalogo Emersioni Marco Minozzi Livin_art corredato da una nota critica di Raphy Sarkissian, docennte presso la Scholl of Visual Art di New York.
Rewind Infinity

Serie “EMERSIONI” di Marco Minozzi

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

GENNAIO 2021

SPAZIO ESPOSITIVO LIVIN’ART

VIA DELLA CERVIA, 19 LUCCA

Marco Minozzi vive e lavora a Firenze da molti anni. E’ nato a Roma dove ha trascorso parte della sua crescita e formazione artistica.
Si impadronisce della tecnica dell’olio su tela attraverso un continuo lavoro di copia degli antichi maestri del 500 e 600 sotto la guida di un maestro, acquisendo nello stesso tempo i segreti riguardanti la preparazione dei colori, dei metodi e dei materiali della tecnica pittorica.

Ha poi affinato le sue abilità nella figurazione, nell’astrazione parziale fino a includere la figura umana all’interno di ambientazioni astratte, circondate da forme emblematiche che innescano inevitabilmente la percezione dello spettatore, come tipicamente si osserva nella Serie Emersioni che qui presentiamo.

info artedavivere@livinart.it

 

Opere di autore – Livin’art

 

arte-da-vivere

 

Perchè ci piace convivere con un’opera che sia frutto di una originale creatività ?

Le opere di autore nel campo della pittura, della scultura e della fotografia sono dei veri e propri soggetti “viventi” che agiscono ed interagiscono con  noi, nel momento in cui soffermiamo il nostro sguardo su di essi. Sono presenze vivide e parlanti che aggiungono qualcosa al nostro quotidiano.

Ne è dimostrazione lampante il fatto che le opere di autore suscitano in noi una risposta emotiva, sia essa positiva o negativa. Del resto è questo che chiedamo, per lo più inconsapevolmente, ad un quadro, ad una fotografia, ad una scultura: che ci parli, ci faccia ricordare, ci sottoponga un interrogativo.

Ci possiamo commuovere, sconvolgere, pacificare, impressionare. Emozioni che amiamo spesso rievocare. Un’opera d’autore riesce ad attivare o addirittura produrre processi immaginativi che nel nostro quotidiano risultano sopiti. Per questo ci piace avere lì, nella nostra stanza, sopra la nostra scrivania quell’opera che stimola questa o quella parte di noi, questa o quella emozione, questo o quel ricordo.

Ciò che conta è che riconosciamo come assolutamente autentica quell’opera su tela, quella scultura, quella fotografia. Cosa intendiamo per autentica? Intendiamo che sia il frutto di una espressione realmente personale – e quindi unica ed originale – di chi l’ha creta: per l’appunto un’opera d’autore.

Livin’art seleziona e propone opere d’autore che rispondano ai nostri desideri di bellezza, autenticità, originalità e che valorizzino, arricchendoli, i nostri ambienti di vita e di lavoro.

www.livinart.it e Via della Cervia, 19 – Lucca

Acquistare con Livin’art è facile e e sicuro!

 

Laura Guadagnucci, coordinatrice Livin’art – Arte da Vivere

 

“INFINITY LANDSCAPE” di Marco Minozzi

INFINITY LANDSCAPE, L’INFINITO NEL PAESAGGIO” opere ad olio su tela di Marco Minozzi

è l’ultima mostra d’arte ospitata presso lo Spazio Espositivo Livin’art – Lucca, Via della Cervia 19

minozzi-infinity-landscape

Le 16 opere di Marco Minozzi presentate dal 31 Marzo al 20 Maggio esprimono una pittura sapiente e profonda che unisce i temi universali della classicità ad uno sguardo contemporaneo sui nostri paesaggi urbani, industriali e post industriali.

L’affascinante ed intensa pittura di Marco Minozzi è il risultato di anni di studio e approfondite esercitazioni di copia delle opere dei pittori del ‘500 e del ‘600, in particolare la scuola olandese.

Dopo un intenso periodo di apprendimento, la crescita personale ed artistica porta l’autore ad esprimere la propria visione del mondo senza perdere l’attaccamento alle tematiche paesaggistiche classiche: l’attenta prospettiva, i colori ombrosi e ricercati a completamento di una atmosfera di passato.

infinity-landscape-minozzi-

Infinity Landscape cm 80×120  il protagonista della mostra

Il fascino delle opere esposte deriva dall’equilibrata ed intensa armonia fra un’anima classica ed uno sguardo contemporaneo.

urban-landscape-70x100-marc

Urban Landscape cm 70×100

Queste le parole dell’autore Marco Minozzi

“Vecchi distretti industriali, relegati nelle periferie di complessi urbani, prendono vita in un’osmosi tra naturalismo e una forte radice classica, nel tentativo di dar vita ad un nuovo paesaggio.

Pittura e ispirazione fotografica sono unite per tentare di mostrare un corpus visivo nel quale si tenta di coniugare un difficile equilibrio, tra contesto storico e distacco oggettivo a favore di una nuova ricerca estetica ove rintracciare nuovi canoni estetici

Le opere di Marco Minozzi propongono una nuova idea di bellezza e catturano il nostro interesse di fruitori in virtù della forte e appassionata ricerca espressiva, a cui si aggiunge una spinta originalità nell’interpretazione dei nostri paesaggi urbani, industriali e post industriali

Queste opere si possono ben immaginare in un contesto di arredamento classico / moderno, dove certamente portano una nota di valore e di carattere.

E’ stato molto interessante allestire la mostra d’arte con le opere di Marco Minozzi.

Alcune fotografie dei preparativi

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il 31 Marzo 2018 c’è stata l’apertura

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Ecco l’esposizone definitiva:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Alcune immgini dei visitatori, sempre in stupefatta ammirazione

Questo slideshow richiede JavaScript.

NOTE

Un successo di questa mostra è stato l’appassionato interessamento di due affermati galleristi del Maine (U.S.A) che hanno richiesto 5 delle opere di “Infinity Landscape”

Assolutamente affascinati dallo stile di Marco Minozzi le esporranno nella loro Galleria d’arte Gold/Smith Gallery in Boothbay Harbor, Maine fra il mese di agosto e quello di settembre 2018.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tutte le opere sono disponibili ed in vendita su Livin’art – Arte da Vivere

INFINITY LANDSCAPE, L’INFINITO NEL PAESAGGIO – PITTURE AD OLIO SU TELA DI MARCO MINOZZI

31 MARZO 20 MAGGIO 2018 – LUCCA VIA DELLA CERVIA 19

Vi aspettiamo sul sito!

Laura Guadagnucci, coordinatrice Livin’art Arte da Vivere

9infinity-landscape-mino

Flânerie, collettiva di fotografia

Sono 4 gli autori/fotografi della Scuderia Livin’art che hanno realizzato progetti fotografici dove al centro della personale ricerca vi è la città e la relazione dell’uomo con essa.

E’ da qui che è nata l’idea di realizzare una collettiva di fotografia che riunisse questi 4 differenti sguardi e linguaggi fotografici. Una esposizione che è come un girovagare – Flânerie – fra i luoghi e le forme delle città.

Ecco i 4 fotografi/autori coinvolti :

Alessandro Giuliani ha partecipato con 2 immagini fotografiche che rappresentano pienamente il suo stile fotografico. Le 2 tavole, che fanno parte del progetto Flâneur, evocano l’ attento girovagare con l’occhio proteso a cogliere gli aspetti emblematici delle città.  La stampa è eseguita con la preziosa tecnica a pennello e gelatina su carta da incisione. Ciascuna delle tavole un’opera unica.

Per ulteriri dettagli e prezzi: Alessandro Giuliani – Paris/London

 

Le 3 opere fotografiche di Beniamino Laurenzi fanno parte del suo personale progetto fotografico Spostamenti. L’autore, nella scegliere le opere da esporre,  ha optato per  quelle che contenevano nell’inquadratura la presenza di persone; nel dare un giusto equilibrio all’insieme dell’esposizione rappresentano pienamente l’idea dell’autore, di come i notri “spostamenti” avvegano spesso in uan sorta di assenza di sè.

Per dettagli, prezzi e altre opere: Beniamino Laurenzi – Spostamenti

 

Mauro Marletto ha proposto il progetto fotografico Forma e Materia. L’autore indaga la materialità e l’immobilità di ciò che ci circonda. Le sue immagini fotografiche riescono a far perdere a queste architetture il loro significato originale, portandoci verso un nuovo  linguaggio estetico. La sapiente ed originale modalità di stampa rende queste opere fortemente contemporanee.

Per il lavoro completo, i prezzi ed informazioni sullautore: Mauro Marletto – Forma e Materia

Franco Sortini ha proposto il Progetto fotografico Un Luogo Neutro. Protagonista delle 3 tavole fotografiche esposte è la luce che invade le piazze, le costruzioni, i vari luoghi nei momenti di un loro vuoto, quando si manifestano in sè e per sè, proprio per come sono. E’ in questo modo che ogni scatto fotografico è come una nuova prospettiva sui paesaggi urbani.

Per saperne di più sulle opere e sull’autore: Franco Sortini – Un Luogo Neutro

 

E’ stato impegnativo, interessante ed anche divertente allestire e condividere con i visitatori la collettiva di fotografia

“Flânerie  i luoghi, le forme, la materia, gli spostamenti”

collettiva di fotografia Via della Cervia, 19 Lucca gennaio/febbraio 2018

Questo slideshow richiede JavaScript.

Laura Guadagnucci, coordinatrice Livin’art – Arte da Vivere

laura4

 

 

 

 

Fai entrare l’arte nella tua vita, scegli le tue emozioni, investi nella bellezza dell’arte

Livin’art è la nuova galleria d’arte dove puoi conoscere artisti di valore e trovare risposte al tuo desiderio di gusto, di bellezza, di originalità.

Convivere con un’opera d’arte è un’esperienza profonda, è valore, è significato.

www.livinart.it

Last Christmas Livin’art

22 dicembre / 6 gennaio 2017

Fra un’esposizione e l’altra, lo Spazio Espositivo Livin’art ha ospitato – durante il periodo del Natale – un’unica opera, molto suggestiva che ben si è adattata al clima ed allo spirito Natalizio.

 

1natale-2017-livin_art-giuli

Tavola fotografica cm 70×50 di A. Giuliani

Si tratta dell’opera fotografica di Alessandro Giuliani “Pietà Rondanini” . Un’opera fotografica come interpretazione artistica del capolavoro del grande Michelangelo Buonarroti.

La stampa in camera oscura su carta da incisione con la tecnica della gelatina a pennello rendono questo scatto fotografico un’affascinante opera unica.

Dimensioni della tavola cm 70 x 50

La tavola fotografica in esposizione fa parte di un Progetto Fotografico di 23 tavole sull’opera di Michelangelo realizzato da Alessandro Giuliani nel 2010.

“Michelangelo, opera unica” è stata la prima mostra dell’anno 2016 presso lo Spazio Espositivo Livin’art. Rivisitatela qui !

 

Laura Guadagnucci, coordinatrice Livin’art – Arte da vivere

laura-guadagnucci-livin_art

 

 

 

 

www.livinart.it ed investi nell’arte che ami

14037764_1739171323000009_432584373_o

Le Ninfee, fiori d’acqua – Un giardino in città

L’ultima mostra presso lo Spazio Espositivo in Via della Cervia, 19 a Lucca ha avuto come tema le Ninfee, i fiori d’acquaL’autore è Andrea Mattiello.

Questi originalissimi fiori esercitano un grande fascino e sono da sempre motivo di ispirazione artistica, basti pensare alle grandi opere di Claude Monet.

L’acqua è un elemento che porta con sé l’idea di nascita e di vita, ed i giardini acquatici richiamano un senso di pace e di profondità, inducendo alla riflessione.

L’ispirazione di Andrea Mattiello nasce da questo e le sue composizioni in acrilico e collage su tela esprimono una serena introversione.

 

Le Ninfee sono dei bellissimi fiori acquatici che non smettono di affascinarci.
Solitari e placidi abbelliscono piccoli e grandi specchi d’acqua. Esaltando la bellezza di certi angoli naturali ci fanno sentire in armonia con la natura.


Le opere di Andrea Mattiello suggeriscono sensazioni fluide e leggere come l’acqua, i fiori ed i pensieri:
stralci di carta sapientemente composti sulla tela richiamano i leggeri movimenti d’acqua, i riflessi, le ombre ed i colori di quelle preziose porzioni di mondo che sono i giardini acquatici.”

 

L’ esposizione di Via della Cervia ha valorizzato le opere di Andrea: le giuste dimensioni e proporzioni dello spazio hanno fatto “uscire” l’atmosfera tipica di un giardino appartato e silenzioso.

 

L’ispirazione di Andrea Mattiello non si è conclusa ed ha appena realizzato tre nuove opere dai titoli molto evocativi:

sole-azzurro-andrea-mattiello-livin_art-pittura

“Sole Azzurro” acrilico e collage su tela cm 20×40 – dittico

 

silenziosa-attesa-andrea-mattiello-livin_art-pittura

“Rifugiarsi nella silenziosa attesa del niente”
acrilico e collage su tela cm 50×70

 

arcipelago-azzurro-andrea-mattiello-livin_art-pittura

“Ancorerò al cuore i ricordi dell’arcipelago azzurro”
acrilico e collage su tela cm 50×70

Tutte le opere della serie “Waterflowers” sono disponibili sul sito Livin’art – Arte da Vivere!

info artedavivere@livinart.it / www.livinart.it

 

Laura Guadagnucci, coordinatrice Livin’art – Arte da Vivere

livin_art-laura-guadagnucci

 

 

 

 

Sguardi immoti – fotografia

sguardi-immoti-giuliani-livin_artA

L’ingresso è al buio, due alla volta, musica di sottofondo.
Le 8 opere in mostra fanno parte di un lavoro di interpretazione artistico/ fotografica di alcuni capolavori presenti alla Galleria d’Arte Moderna di Milano (GAM). L’autore  è il fotografo Alessandro Giuliani.

Quattro di queste opere fotografiche sono state inserite all’interno della guida del Museo.

Il lavoro complessivo è costituito da 25 tavole fotografiche, opere uniche. L’autore all’interno del Museo, seguendo la sua ispirazione, ha fatto una serie di scatti su pellicola in bianco e nero.

Il risultato finale sono preziose stampe in camera oscura. La tecnica di stampa utilizzata è detta “gelatina a pennello”.

 

L’autore agisce  intervedendo a pennello sulla carta da stampa, impregnata di gelatina, prima che su questa venga fissata l’immagine. Un passaggio creativo che esalta la bellezza delle opere d’arte oggetto dello scatto fotografico, e che dona all’immagine un senso di indefinito e di antico.

L’installazione è fascinosa e suggestiva, le opere retroillumninate sprigionano il massimo della loro forza  espressiva.

sguardi-immoti-giuliani-livin_artB

 

Il contrasto fra la sacralità delle opere classiche oggetto dello scatto di Giuliani e la semplicità dell’installazione rende la visita allo spazio espositivo di Via della Cervia un’occasione sensoriale molto interessante.

I preparativi …

Questo slideshow richiede JavaScript.

Da non perdere!

Le opere sono visibili ed in vendita sul nostro sito www.livinart.it

Per qualsiasi ulteriore richiesta e/o informazione artedavivere@livinart.it

Laura Guadagnucci

laura-guadagnucci-livin_art

coordinatrice Livin’art – Arte da Vivere

 

 

 

“Sogni (di libertà)” con la pittura

googlelivin_art-fabrizio-ba

 

Il nuovo allestimento allo spazio espositivo di Via della Cervia vede protagonista l’artista Fabrizio Barsotti.

La sua cifra poetica si manifesta attraverso un mondo di fiaba e sogno ampliato e reso vivido dalla forza dei colori, che non indugiano ma anzi esprimono con vitalità il messaggio interiore dell’autore.

WP_20160417_19_01_17_Pro
Sono in mostra 12 opere, acrilico su tela. Il tema delle opere è il viaggio inteso come ricerca di una propria e riconosciuta umanità; il forte contrasto  rosso/nero esprime la forza, la passione e l’audacia che a volte occorrono per affrontare il viaggio inteso come inevitabile aspirazione alla libertà.

WP_20160418_17_52_28_Pro

Lo spazio espositivo si trova, come sempre, in Via della Cervia 19 nel centro storico della città di Lucca. Lo spazio si affaccia su una caratteristica piazzetta, è un luogo appartato e tranquillo pur trovandosi vicinissimo alle principali piazze monumentali della città, come Piazza San Michele e Piazza del Duomo (San Martino).

 

WP_20160417_18_54_53_Pro

WP_20160418_18_43_12_Pro

 

 

Chi raggiunge questo caratteristico angolo della città è perchè ha una sua propria curiosità che esula e si distanzia dai percorsi più comuni e caotici, e sarà quindi attratto da questo spazio piccolo, accogliente che trasuda arte.

 

post-performance


In mostra anche una serie di acquerelli su carta dai colori e dai contenuti più lievi e sfumati ad esprimere il momento del sogno come forza propulsiva verso la successiva azione, il viaggio.

15-25 Aprile Via della Cervia, 19 Lucca Centro storico h 17/19

Laura Guadagnucci

_DSC0809

 

 

 

Michelangelo, mostra fotografica

 

_MG_9838

Il titolo della prima mostra 2016 allo Spazio Espositivo di Via della Cervia 19 in Lucca è

“Michelangelo, opera unica”

di Alessandro Giuliani

l’autore – infatti – considera un’opera inscindibile l’insieme delle 23 stampe fotografiche in mostra, oltre che unica al mondo la bellezza dell’opera michelangiolesca.

La mostra fotografica “Michelangelo, opera unica” si propone come una suggestiva reinterpretazione delle più famose opere scultoree del grande artista, una reinterpretazione che esalta la forza poetica, drammatica, sensuale nonché virile delle più famose opere scultoree del grande artista.

alessandro-giuliani-fotografia

Il valore estetico ed artistico del Progetto Michelangelo deriva, oltre che dalla scelta dei soggetti e di inquadratura, dalla particolarissima tecnica di stampa che avviene in camera oscura:

“la stampa a gelatina con tecnica a pennello su carta da incisione diventa un secondo momento creativo, la parte più bella, ancor più dello scatto, la sorpresa di vedere uscire fuori l’immagine modulando i tempi di esposizione e di posa in acido, l’utilizzo del pennello ad aggiungere tratti togliendo definitezza all’immagine”

Si tratta di una rara tecnica di stampa che diventa un ulteriore momento creativo, dove il gesto fisico del pennello sulla gelatina che smuove i perimetri e sfrangia i bordi, libera l’immagine dallo stereotipo, aggiunge valore artistico ed interpretativo agli scatti e rende queste tavole fotografiche delle opere uniche, non ripetibili. Le sculture di Michelangelo risultano esaltate nella loro unicità.

Si avverte il lavoro fisico, artigianale e creativo che avviene nel momento della stampa e che rimanda un senso di non finito, impreciso, imperfetto e perciò più interessante, non scontato, a forte contrasto con la perfezione permessa dalle comuni macchine digitali.

Gli scatti totali sono stati circa 200, le stampe finali una trentina.

bacco-alessandro-giuliani

Bacco

bruto-alessandro-giuliani

Brutus

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ogni stampa è  un’opera unica.

E’ visibile e disponibile sul nostro sito un progetto fotografico di Alessandro Giuliani analogo a questo appena presentato:

Sguardi Immoti – Romanticismo Italiano, un progetto di interpretazione artistica dei capolavori presenti nelle sale e nei depositi della Galleria d’Arte Moderna di Milano.

 

Laura Guadagnucci Livin’art – Arte da Vivere

laura-guadagnucci-livin_art